passapORTO.bio 2018

Il terzo “viaggio” per la coltivazione di un ORTO SANO, SALUTARE, SOSTENIBILE
SONO PREVISTI QUATTRO INCONTRI E UNA USCITA SUL TERRITORIO:

1° INCONTRO
GIOVEDÌ 1 MARZO 2018 – ore 20.30/22.30
“I microscopici segreti del suolo: un punto di vista inaspettato per osservare il mondo sotto i nostri piedi”. Relatore: Federica Fiorentino Ecobiologa esperta di Tecnologia EM

2° INCONTRO
GIOVEDÌ 8 MARZO 2018 – ore 20.30/22.30
“Naturale e Spontaneo’: questo è l’Orto Istintivo”
Relatore: Viviana Sorrentino Naturalista“raccoglitrice di erbe selvatiche”

3° INCONTRO
GIOVEDÌ 15 MARZO 2018 – ore 20.30/22.30
“Il metodo Biologico applicato nell’orto”
Relatore: Agrotecnico Andrea Giaccardi titolare dell’ Orto del Pian Bosco di Loreto di Fossano

4° INCONTRO
GIOVEDÌ 22 MARZO2018 – ore 20.30/22.30
“Appunti per la coltivazione dei piccoli frutti”. Relatore: Roberto Giordano Agrion, Fondazione per la ricerca in agricoltura
con il Patrocinio della Associazione Solare Collettivo Onlus

Il terzo “viaggio” per la coltivazione di un ORTO SANO, SALUTARE, SOSTENIBILE
Al momento dell’iscrizione ai partecipanti sarà richiesto un contributo di 20,00 euro comprensivo di iscrizione all’Associazione e contributo per gli incontri e l’uscita. Per informazioni potete telefonare Anna Maria ✆348 2820151
oppure scrivete una e-mail a: presidente@solarecollettivo.it

PER TUTTI GLI APPASSIONATI DELL’ORTO PER:
• incontrarsi e condividere dubbi, conoscenze ed esperienze;
• scoprire tutti i segreti della coltivazione biologicaper ottenere un orto eccellente,
salutare e sostenibile senza l’utilizzo di pesticidi e concimi chimici;
• diffondere la cultura per un’alimentazione sana che rispetta la stagionalità della produzione
e i ritmi dell’ambiente;
• concorrere ad uno sviluppo sostenibile;
• riappropriarsi della possibilità di sapere con certezza da dove proviene
il cibo della nostra tavola e come è stato coltivato;
• imparare a diventare attenti osservatori della natura e a rispettare i rimi delle stagioni;
• mettere a disposizione di tutti le conoscenze acquisite nella coltivazione biologica;
• cogliere l’importanza della biodiversità agraria per l’alimentazione e la salute.